Il Blog che guarda tutto cio che vede


Oggi 27/10/2010 è andata in onda l’ennesima pubblicità sul tg2. A noi interessa la parte che riguardava la videosorveglianza.

Si parlava di sistemi di videosorveglianza per il controllo dei monumenti, un trend che può dare diverse possibilità di business per gli installatori o per assessori che intendano spendere denaro pubblico.

Forse però invece che pensare a vedere solo chi danneggia i monumenti permettendo il danneggiamento, amenochè le forze dell’ordine non arrivino in tempo, la soluzione alternativa e migliore potrebbe trovarsi negli impianti di antifurto.

Pensate ad un museo. Se ti avvicini troppo ad un opera, la danneggi o cerchi di rubarla, potrebbe scattare l’allarme: Una bella sirena forte che suona.

Forse per certi monumenti ha senso un sistema di antifurto. Introdurre tale concetto fa vedere anche i monumenti come opere d’arte.
Evidentemente se qualche personaggio intende delinquere sa che le sirene suoneranno immediatamente e quindi si darà alla fuga senza commettere alcun che di concreto.

Poi non si esclude che lo si possa vedere posizionando le telecamere in modo da riprendere solo l’area interessata dai monumenti ma non attorno, sempre che, come dicevano nel servizio, qualcuno non giri le telecamere per agire indisturbato oppure sia a volto coperto.

Per mettere in pratica tutto ciò non ci si avvale dell’intelligenza artificiale che riconosce i movimenti, ma di comodi e poco costosi sensori che funzionano sempre e che possono avvisare le forze dell’ordine in tempo reale e senza falsi positivi.

Pensate ad un sensore volumetrico e/o IR, che quando rileva la presenza di qualcuno manda un segnale radio e fa suonare una sirena.
Sicuramente è un sistema più sensato, meno costoso ed in linea con l’obiettivo rispetto a dispositivi passivi come le telecamere di videosorveglianza che non sono in grado di interagire.

Evitiamo di creare un problema di sicurezza permettendo a delle società di fare business sulla videosorveglianza per motivi trasversali, quando per conseguire l’obiettivo serve altro.




ARGOS Rischi per la sicurezza?

Il sistema di monitoraggio del moto ondoso in Canal Grande, almeno così com’è presentato, crea diversi problemi di sicurezza:
Attraverso un file XML pubblico ed accessibile da tutta internet si possono tracciare gli spostamenti precisi di tutti gli utenti che passano per il Canal Grande e l’Isola Nova del Tronchetto (anche a terra).

Sono pubblicati tutti gli spostamenti muniti di numeri di serie e coordinate GPS aggiornate in tempo reale.

Questo tipo di dati è pubblicato in piena violazione di qualsiasi norma di sicurezza e legge sulla privacy. Attraverso questi dati si possono ricostruire i tracciati e le abitudini in tempo reale di tutti i soggetti interessati, anche delle forze dell’ordine.

Questa situazione pone seri rischi per la sicurezza pubblica e privata. Tale sistema mette chiunque in possibilità di pianificare od attuare qualunque azione illecita monitorando le forze dell’ordine.

Per esempio: Se si volesse seguire un’imbarcazione precisa, si potrebbe partire dalle coordinate del posto barca, oppure si potrebbe usare il numero identificativo “IdTrack”.
Non si esclude che tali informazioni possano essere usate per lo stalking o per monitorare i lavoratori a distanza in violazione delle leggi vigenti, accordi sindacali etc...

Tali informazioni specifiche dovrebbero essere accessibili solo a personale autorizzato, invece sono accessibili a chiunque senza alcun controllo sugli accessi.

Oltre a tutto questo, che è un palese schiaffo al rispetto delle leggi perpetrato da chi le deve far rispettare (ARGOS è controllato dalla Polizia Municipale), si nota che in Canal Grande non c’è alcun cartello di informativa (come previsto dalle leggi vigenti) che avvisi gli utenti della presenza di telecamere con tracciamento della posizione collegato alle forze dell’ordine ed a qualsiasi utente collegato ad internet.

Quindi tutto ciò denota come una piccola parte dello stato intenda far rispettare le leggi quando si tratta di profitto (multe) e non intenda rispettarle quando gli fa comodo?

Come non bastasse, la ciliegina sulla torta è anche il fatto che sul sito del sistema ARGOS, nel sorgente pagina, si possono scovare parti del programma che sono attivabili dagli utenti.

Si possono attivare funzioni che mostrano la posizione di tutti gli oggetti tracciati nell’area interessata dal sistema con la possibilità di cliccare sui pallini nella mappa e vedere l’IdTrack (numero di serie degli oggetti stessi).

Tra le altre funzioni c’è anche un indicatore posizionato a Roma.
Questo elemento indica “Casa di Antonio”. Non si capisce perchè è stata fatta una cosa così assurda: Pubblicare l’indirizzo di un privato.

Visti gli elementi di cui sopra, ci sono moltissime ombre sul sistema ARGOS e su come viene utilizzato, anche perchè dal sito “Canal Grande Situazione in tempo reale” si vedono le indicazioni di persone che si muovono a terra all’Isola Nova Del Tronchetto.

La relazione col tracciamento delle persone è quindi sempre più forte e trova conferma anche nei dati pubblicati dal sistema.

Questi fatti sono una prova evidente che le telecamere di videosorveglianza non creano alcuna sicurezza. In questo caso dando informazioni a disposizione anche ai gruppi terroristici, creano di fatto una situazione di insicurezza.

Il sistema ARGOS è stato denunciato due volte all’autorità Garante Per La Protezione Dei Dati Personali dal Progetto Anopticon.
.: Ci vedono :.

.: Ci Individuano :.

.: Ci Seguono :.

.: Pubblicano gli spostamenti :.

.: Chiunque accede ai dati :.

.: Chi è Antonio? :.


Per saperne di più

Link Correlati:
 • Casa di Antonio
 • Sisto del progetto ARGOS
 • Dati sulle imbarcazioni in tempo reale
 • Pagina con "Casa di Antonio" nei sorgenti
 • Sorgente pagina salvato da argos.venezia.it (Contenente Casa di Antonio)
 • Denuncia al Garante: Fascicolo "Casa Di Antonio"
 • Video ed Immagini correlate

 • Mappa delle Telecamere di Venezia
 
Telecamere correlate:
 • Argos su ACTV?
 • ARGOS Su ACTV?

 • ARGOS
 • ARGOS
 • ARGOS
 • ARGOS
 • ARGOS
 • Sistema Argos
 • Argos
 • Argos
 • Argos
 • Pescheria
 • ARGOS
 • Argos 2
 • H Principe
 • ARGOS
 • ARGOS
 
Video correlati:
 • Grande Fratello Preso con le mani nel sacco
 • Argos Bugs: Errori del sistema ARGOS
 • Alcune Telecamere di Venezia
 • Hydra
 
Post correlati:
 • Argos (Panoptes) Secondo stadio
 • Argos e Hydra, un problema per la privacy futura
 • "Grande fratello" schedato e denunciato.
 • Immagini uniche
 • anopticonvenezia.pdf (Relazione tecnica)
 • venezia.zip (Documentazione e mappe)
 






(Clicca sul video per vedere di che si tratta)

Novità sul sistema ARGOS:
Dopo le telecamere che filmano il “moto ondoso dell'asfalto”, ci siamo accorti che il sito del sistema ARGOS pubblica in internet i dati sugli spostamenti delle barche, e non solo, con un numero di serie che potrebbe essere identificativo.

Ci sono dei codici javascript latenti:
Questi codici di programmazione consentono di fare alcune cose non previste, come per esempio vedere la navigazione di tutti i natanti che si muovono con una velocità corretta.

Si possono attivare delle parti di programma che consentono, cliccando sopra ai pallini, di vedere un “idTrack”.
Questo idTrack appare anche visibile a chiunque. Tale codice identificativo delle imbarcazioni sembra essere associato alle imbarcazioni stesse, (una per una).

Alcune parti del programma consentono di far apparire sulla mappa un marcatore che si trova a Roma su una casa, cliccandolo appare un riquadro con scritto “Casa di Antonio”.



Chi è Antonio?
Perchè è sul sito del sistema Argos?

Chiunque visualizzando i sorgenti della pagina può fare copia ed incolla su google maps delle coordinate GPS per vedere dove si trova “Casa di Antonio”.

Ma Antonio lo sa di essere su tale sito?

Perchè pubblicare i dati di tutti? Questa situazione non dovrebbe essere in violazione di legge?

Per vedere esattamente di cosa si tratta guardare il video che vi spiega tutto.

Ovviamente abbiamo gia segnalato tutto all'Autorità Garante Per La Protezione Dei Dati Personali.

Arrivati a questo punto è il caso che il Garante prenda dei provvedimenti contro il sistema ARGOS.
 
Esempio dati
 


<record>
    <id>1</id>
    <idSC>2</idSC>
    <idTrack>*****</idTrack>
    <Longitude>12.318745977042</Longitude>
    <Latitude>45.4390875069832</Latitude>
    <velocità>7.8</velocità>
  </record>
  <record>
    <id>2</id>
    <idSC>3</idSC>
    <idTrack>*****</idTrack>
    <Longitude>12.319986133611</Longitude>
    <Latitude>45.4389789110978</Latitude>
    <velocità>17.2</velocità>
  </record>


L'elemento idTrack non è stato pubblicato perchè potrebbe essere l'identificativo univoco dell'imbarcazione.
Tutti i files estratti da siti terzi presenti nella seguente pagina sono citazioni ai sensi della legge sul copyright.
Tali elementi sono riportati/citati a scopo probatorio in quanto sono parte integrante della notizia.
L'inserimento in copia nella seguente pagina ha lo scopo di essere un backup per evitare che i dati vengano censurati, occultati o nascosti dai siti terzi.



A Utrecht, in Olanda, gli artisti Thomas voor 't Hekke e Bas van Oerle hanno installato - sui tetti e sui cornicioni dei palazzi della città - una serie di finti uccelli con telecamera al posto della testa. Alcuni di questi seguono i passanti che camminano sul vicino marciapiede. Il progetto, chiamato non a caso panoptICONS, intende sottolineare il preoccupante stato di sorveglianza in cui versano i cttadini 24 ore su 24.









Il progetto Anopticon si è esteso a molte città. Per alcune di queste siamo a buon punto per completare le mappe delle telecamere.
Stiamo analizzando le schedature delle altre città.
Prossimamente invieremo le segnalazioni al Garante della Privacy. Nel frattempo chiunque può mandarci via mail informazioni utili sul Grande Fratello all'indirizzo:


La schedatura prosegue, si possono gia fare le prime denunce contro il Grande Fratello nelle altre città.
Grande Fratello, Noi ti stiamo guardando!



Pagina


Mappa delle telecamere:

Big Brother Viewer


Cerca:


Tramaci.org su Facebook:

F  
Sinottico:
sinottico Quanto è videosorvegliata la tua città?
Scoprilo anche tu visitando il Sinottico.
Potrai avere informazioni sulla videosorveglianza della tua città.

Anti IMOB:

NON É PIÚ OBBLIGATORIO VALIDARE GLI ABBONAMENTI IMOB:
Per saperne di più.
Comitato NoMob.
Novità su IMOB.

OnionMail:
OnionMail Tor Hidden service di Posta:
Nuovo server di posta che protegge i metadati e critta i messaggi di posta.
Per saperne di più.


Categorie:
  Tutte
83 Post
43 Aggiornamenti.
7 Post
2 Aggiornamenti.
1 Post
  Eventi
2 Post
  Ðümp
14 Post
2 Aggiornamenti.

Feed speciali:
  Video Censurati
  Telecamere

Archivio:


AnoptiBlog © 2017 EPTO
tramaci.org | Big Brother Viewer | Contatti